La cura del codice

Da quando ogni anno viene annunciata la nuova release di ILIAS c’è una corsa a carpire quali saranno le sue nuove funzionalità. Sono la cosa che da sempre spinge di più, il refactoring del codice, i miglioramenti dell’usabilità e la garanzia di qualità meno. Nel settore dell’implementazione del software questi ultimi spesso devono essere finanziati con i nuovi sviluppi delle features. Ciò riguarda anche l’open source.

È nata così l’iniziativa OpenSourceLMS, che vuole invertire la tendenza ed incoraggiare chi usa gli LMS a garantire la sostenibilità del software, visto che un gran numero di università ed aziende europee si affidano a LMS open source come ILIAS.

L’iniziativa ha avuto il suo primo successo nel 2022. Nel progetto *Basic care*, oltre a ILIAS, sono state finanziate le piattaforme di apprendimento Stud.IP e Moodle.

Si trattava di promuovere l’LMS mantenendo e attualizzando l’attuale codice che lo compone. Ciò include soprattutto anche miglioramenti in termini di accessibilità, sicurezza e protezione dei dati, temi sempre più caldi

Il budget per la revisione del codice di ILIAS era di 230.000€. Responsabile della gestione del progetto è stato Cornelis Kater dell’Università di Hannover, che ne trae un bilancio positivo: “Il progetto ha rappresentato una forma di finanziamento particolarmente innovativo, poiché è stato possibile per la prima volta eseguire lavori di manutenzione sui prodotti in conformità con le rispettive comunità e in coordinamento diretto tra i tre LMS. Sotto la guida dell’Università di Scienze Applicate di Hannover e dell’Università Leibniz di Hannover, in un anno sono stati implementati più di 50 progetti di miglioramento. Questo pone la prima pietra angolare per posizionare meglio questi importanti prodotti software per il futuro”.

Tra le altre cose, ILIAS ha finanziato:

  • i miglioramenti dell’accessibilità attraverso test BITV, correzioni di bug di accessibilità e linee guida per la creazione di materiali accessibili

  • i miglioramenti dell’usabilità e garanzia della qualità per ILIAS 8

  • i miglioramenti del codice per ottenere la compatibilità con PHP8

  • il plugin di domande STACK

Tutti i progetti di sviluppo sono stati prioritari e coordinati dall’associazione ILIAS. Undici diversi fornitori di servizi sono stati coinvolti in questa implementazione. Tutti i fondi dovevano essere spesi entro la fine del 2022, di conseguenza solo i progetti che potevano essere implementati tempestivamente potevano essere commissionati. Questa è stata una limitazione per alcuni fornitori di servizi, il portafoglio ordini era già così pieno da non poter accettare altri progetti con breve preavviso.

Il product manager di ILIAS, Matthias Kunkel, spera quindi che altri paesi seguano l’esempio della Bassa Sassonia e di Brema.

Perché una continuazione della manutenzione di base migliorerebbe ulteriormente l’affidabilità del nostro software open source ampiamente utilizzato in tutto il mondo.

Prossimamente alla LEARNTEC 2023 a Karlsruhe

Case Study

Automated Training Content Generation

24 maggio 2023 – ore 16:15 – alla LEARNTEC 2023 a Karlsruhe

Il Paper riguarda una particolare esigenza di IMA che può essere estesa a tutte le aziende produttrici di macchinari industriali e a tutte le aziende che hanno bisogno di produrre contenuti partendo da una struttura organizzata di oggetti multimediali.

Nel caso di IMA la struttura di partenza è la Distinta Base (BOM), ovvero un documento che definisce tutti gli elementi necessari alla realizzazione di uno specifico prodotto. La distinta base è fondamentale nelle fasi di progettazione, produzione e assemblaggio di un prodotto.

Per risolvere questa esigenza, siamo partiti da dove IMA costruisce e gestisce la sua formazione interna ed esterna: ILIAS LMS.

ILIAS è un LMS estremamente flessibile e opensource, integrabile e personalizzabile, che lo rende il sistema centrale per automatizzare l’editing dei contenuti all’interno della piattaforma LMS.

Da questa premessa abbiamo sviluppato un software, chiamato Mixer, in grado di dialogare con ILIAS e di comporre in modo semi-automatico i Corsi secondo determinate strutture che rappresentano lo storyboard. La composizione avviene aggregando oggetti multimediali precedentemente archiviati dall’editor all’interno dell’LMS.

La logica di aggregazione è attualmente definita dalla compilazione di un file Excel, che riporta la BOM della macchina o la struttura del manuale di istruzione. Le macchine IMA hanno una struttura modulare, ovvero sono costituite da gruppi funzionali che possono essere riutilizzati per produzioni successive.

Di conseguenza, perché produrre più volte un contenuto formativo già creato e riutilizzabile?

Da questo input, che rappresenta di fatto lo storyboard del corso, il Mixer è in grado di produrre un oggetto didattico strutturato, simile a quello impacchettato manualmente in ILIAS, che può essere importato e sincronizzato con i contenuti effettivamente presenti nell’LMS.

RISULTATO:
avere un corso che riduce il lavoro di stesura di almeno il 70%.

In questo processo è stata indispensabile la flessibilità e la scalabilità di ILIAS LMS, propenso alla collaborazione di più aziende che contribuiscono allo sviluppo di un sistema integrato.
I vantaggi tangibili sono un importante risparmio di tempo e costi nella produzione e aggiornamento dei contenuti, con la possibilità di riutilizzare le informazioni già prodotte in altri sistemi aziendali.

Un obiettivo ancora più ambizioso sarà quello di connettere ILIAS direttamente ad altri software aziendali attraverso il Mixer.

In questo modo, partendo dalla distinta base elaborata con i sistemi di progettazione, trasmessa e finalizzata nei sistemi ERP e CMS, sarà possibile in modo semiautomatico confezionare contenuti Formativi personalizzati per ogni singola macchina.

L’obiettivo di questo intervento è trasmettere come sia nato tutto questo ecosistema, l’integrazione tra ILIAS e il Mixer e la fornitura di contenuti ai clienti di un gruppo industriale leader.

Speakers

I nostri relatori

Ilario Truppa

Senior E-Learning consultant

OC Group

Consulente Senior E-Learning con esperienza internazionale nella gestione di complessi progetti di formazione digitale, compresa la produzione di contenuti e l’architettura dei sistemi di competenza. Ama muoversi in contesti interculturali dove il ruolo dell’e-learning diventa un ponte tra profondo know-how aziendale e comunicazione interna ed esterna ad alto impatto.

Martina Solimini

Project Manager – Processes & Platform Integration

IMA spa

Martina Solimini è ICT Project Manager di IMA, si occupa di progetti di digitalizzazione dei processi aziendali.

Ha una laurea in ingegneria gestionale ed è attualmente focalizzata sulla progettazione di soluzioni software e app in grado di ottimizzare il flusso nei processi di creazione, gestione e condivisione della documentazione con i clienti finali.

Attualmente lavora presso IMA Skillgate, una piattaforma LMS specializzata nell’editing e nella condivisione di contenuti formativi digitali per i clienti IMA. Gli obiettivi e le sfide sono diversi: ricercare modi per aumentare la produttività del gruppo attraverso l’automazione della creazione di contenuti e fornire al cliente un pacchetto di formazione per ogni esigenza di produzione che includa materiale 2D tradizionale, contenuti 3D ed esperienze VR/AR.

Vuoi Saperne di più su questo case study?

Prenota la tua consulenza gratuita compilando il form!

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.